Conapi

Consorzio Nazionale Apicoltori

coltivatori di biodiversità

Mielizia
Home > Senza categoria > La lotta alle zanzare che salvaguarda le api

La lotta alle zanzare che salvaguarda le api

Una corretta strategia di lotta contro le larve di zanzara non produce effetti negativi nei confronti di api, farfalle e altri insetti utili. 

Come sempre, il ricorso a trattamenti contro le zanzare adulte deve avvenire solo in situazioni eccezionali, come nei casi di emergenza sanitaria.

COSA FARE?

La lotta deve colpire la zanzara nello stadio in cui non è nociva per l’uomo e va quindi indirizzata nei confronti delle larve che vivono nell’acqua. Qualora ci si rivolga a disinfestatori professionali, vanno sempre privilegiati i formulati microbiologici a base di Bacillus thuringiensis varietà israelensis da solo o combinato con Bacillus sphaericus, (ora riclassificato come Lysinibacillus sphaericus) innocui per l’uomo e gli animali e non inquinanti per l’ambiente. Nei casi in cui si faccia ricorso alle formulazioni antilarvali, facilmente reperibili in commercio e a base di Diflubenzuron, S-Methoprene o Pyriproxyfen, il loro impiego andrebbe limitato a pozzetti e caditoie, mentre in tutti gli altri casi andrebbero adottati i seguenti accorgimenti:
 eliminare i manufatti non utilizzati che possono raccogliere acqua piovana;
 mantenere riparato dalla pioggia ogni contenitore in grado di stoccare acqua;
 eliminare i sottovasi;
 tendere i teli di plastica impiegati come copertura in modo che non si creino ristagni;
 eliminare lo stoccaggio permanente dell’acqua privilegiando l’innaffiatura diretta.

COSA NON FARE? 

Non eseguire trattamenti insetticidi contro gli adulti di zanzara. Hanno sempre un’efficacia limitata nel tempo e risultano tossici per le api e tutti gli altri insetti impollinatori.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare i tecnici del C.A.A. “Giorgio Nicoli” S.r.l.
(051/6802227) rferrari@caa.it